lunedì 30 novembre 2015

IN MIGLIAIA ALLA CHIAMATA A RACCOLTO


IN MIGLIAIA HANNO RISPOSTO ALLA CHIAMATA A RACCOLTO



UN IMMENSO E SENTITO GRAZIE DA TUTTO IL
GRUPPO COLTIVARE CONDIVIDENDO.. a tutte e tutti coloro che hanno partecipato a “Chiamata a raccolto” e hanno pertanto consentito a questa giornata..di essere una giornata davvero stupenda!!!

Migliaia i visitatori giunti a Villa Patt (qualcuno li ha stimati in 10.000) dove hanno potuto visitare una trentina di banchetti dediti alla “mostra, scambio, donazione” sementi antiche

e riproducibili. Una miriade di realtà venute nel bellunese da svariate regioni del Nord/Centro Italia e dall'estero. Oltre alle sementi sono state condivide conoscenze, saperi, esperienze legate a un coltivare sano e sostenibile. Tantissime le sementi donate e le relazioni nate e consolidate..un qualcosa che riteniamo a dir poco essenziale


Molto partecipate anche le conferenze, ad iniziare da quella di sabato sera in cui due relatori d'eccezione Alberto Olivucci (presidente di Civiltà Contadina) e una rappresentate di Arche Noah (una tra le più grandi realtà europee di recupero, conservazione e miglioramento di sementi antiche) hanno raccontato a oltre cento persone metodologie di selezione partecipata delle sementi e le leggi che regolano (o meglio condizionano negativamente) il settore. Domenica una sala gremita ha ascoltato Anna Morera una delle massime esperte in permacoltura e rigenerazione del suolo, portata a Sedico dall'associazione Liberamente Valbelluna che ha organizzato il convegno

Molto partecipati anche in convegni del CREA sulla questione mais e cereali, di Arche Noah sulle sementi, la premiazione dei bambini delle scuole di Sedico per meriti legati al coltivare l'orto scolastico e la proiezione di “the lest farmer” film proposto da Samarcanda


Altro luogo molto frequentato il mercatino dei prodotti sani, genuini e biologici con una trentina tra coltivatori bellunesi e non che hanno fatto conoscere ai tanti visitatori le nostre tipicità ed eccellenze prodotte senza danneggiare salute, ambiente e territorio.


Tanta la soddisfazione per questa riuscitissima edizione di Chiamata a raccolto, sia per la qualità degli espositori, molto variegati e capaci di unire l'entusiasmo (in primis dei “bambini pirati”), alle conoscenze ed esperienze affinate sul campo. Ma anche per la massiccia risposta da parte dei visitatori, molto giunti da fuori provincia, che hanno ribadito la loro forte sensibilità verso il coltivare sano, la biodiversità e le tipicità del nostro territorio. Un potenziale enorme per questa nostra Terra anche in termini economici, di costruzione di filiere capace di fornire cibo sano e non delocalizzabile.

Sta a noi lavorare..e bene su questi “semi” attorno ai quali si puo' poco se si lavora da soli..ma molto se si riesce a fare rete e costruire comunità

piccole salvatrici di sementi crescono


Immancabile un grazie all'Amministrazione Comunale di Sedico e alla Pro Loco che ci hanno appoggiato, sostenuto e aiutato non poco.. 
grazie da Johannes
grazie da Tiziana e Rosmarie
Grazie da Stefano
grazie da Chiara

GRAZIE DA TUTTI QUANTI NOI!! da quelli fotografati.. da quelli non fotografati.. da quelli presenti a Villa Patt o non presenti.. 
..in ogni caso.. GRAZIE!!!
grazie da Alessandro
grazie da Benni
grazie da Vittorino, Tiziano, Luca
grazie da Luca

grazie da Linda
grazie da Paolo e Ilaria
grazie da Mauro
grazie da Andrea Sergio Rosmarie

sabato 21 novembre 2015

CHIAMATA A RACCOLTO 2015


Mancano davvero pochi giorni a CHIAMATA A RACCOLTO la giornata organizzata dal Gruppo Coltivare Condividendo e dedicata alla biodiversità, al coltivare senza chimica di sintesi, al condividere sementi..conoscenze, saperi, pratiche..al
costruire relazioni

Una giornata che in realtà, in questo 2015 si sdoppia, dato che CHIAMATA A RACCOLTO avrà una appendice sabato 28 novembre quando, sempre a Villa Patt di Sedico (aula convegni) si terrà una conferenza dedicata alle sementi “Semi vitali e libere” Dalle ore 17.30 si parlerà di come si selezionano, conservano i migliorano i semi. Inevitabile una panoramica sulle varie leggi che regolamentano il settore e le possibilità di commercializzazione delle sementi antiche e dei prodotti da esse ottenute.
Tra i relatori esperti e tecnici di due grosse realtà, una austriaca ARCHE NOAH e l'altra italiana CIVILTA' CONTADINA. Ovviamente sarà un dibattito aperto in cui non mancheranno le voci bellunesi

DOMENICA 29 NOVEMBRE prenderà il via invece la “classica” CHIAMATA A RACCOLTO che richiamerà a SEDICO (BL) PRESSO Villa PATT (in via Villa Patt n. 2.. spazio coperto e riscaldato, con ingresso libero), una serie di gruppi, associazioni, realtà locali, nazionali e straniere, che esporranno, scambieranno e DONERANNO le loro sementi antiche e riproducibili. Verranno inoltre proposti percorsi, iniziative, laboratori all'insegna dell'auto produzione, del coltivare e acquistare sano, della difesa di territorio, di ambiente, biodiversità e salute.

Anche quest'anno, i protagonisti della giornata saranno i “bambini pirata”, diverse decine di alunni di alcune scuole che porteranno il loro prezioso forziere pieno di sementi auto prodotte, I bimbi doneranno “sementi per l'orto”, “sementi per il campo” e “sementi per l'animo”
Tra gli espositori presenti ci sarà la più grande associazione di salvatori di sementi austriaca “Arche noah” che oltre a donare sementi non mancherà di elargire consigli,
suggerimenti e idee frutti di decenni di esperienza e di lavoro sul campo (associazione che conta circa 15mila soci).
Un' altra organizzazione di levatura internazionale è anche “Seed Vicious” che esporrà, scambierà e donerà sementi da tutto il mondo

Tornano anche quest'anno degli ospiti ormai fissi della manifestazione: il consorzio della quarantina con le sue quasi 300 varietà di patate, Antonio Cantele con i suoi semi dell'Altopiano di Asiago, i ragazzi di Altro mercato di Mogliano, gli amici trentini della Pimpinella (con semi e frutti) e Diego Pizzolato che da Marano (VI) ci farà conoscere e offrirà una miriade di varietà di mais.
Immancabili anche gli amici di Bassano di TerraChiAma, un bel ragruppamento di associazioni, gruppi realtà con le quali collaboriamo da tempo (agrincolti, No OGM Bassano, adotta un terrazzamento, Gas Canova, nutrire significa educare..)
Chiamata a raccolto” è oramai diventato un appuntamento molto significativo dal punto di vista della biodiversità, dello scambio semi e della condivisione, pertanto sono molti i nuovi gruppi, associazioni, persone che porteranno a SEDICO loro sementi, materiale e conoscenze. L' associazione SeMI scambi”, amici dell'orto2, AdiPa Triveneto e Toscana(con semi di fiori, pomodori e ortaggi), Spiazzi Verdi di Venezia, e una tra le più grandi realtà di salvatori di semi italiana Civiltà contadina con salvatori di semi veneti e lombardi.
Due le realtà che verranno a Sedico da Bergamo: l' Associazione Cultura Contadina Cooperazione di solidarietà ruralel e il CREA (Consiglio per la ricerca
agricola e l' analisi dell'economoa agraria) tra i massimi esperti di maiscoltura a livello nazionale
Alcune adesioni stanno ancora giungendo e quindi non è escluso che mancherà qualche sorpresa dell'ultimo momento

Alcuni banchetti saranno dedicati ad importanti associazioni e reti, tra di essi troveranno posto la Rete Semi Rurali (un associazione di associazioni nazionali che si dedicano alla ruralità e biodiversità.. woof, diversamente bio ecc..), Dolomiti bio (l'associazione delle aziende biologiche bellunesi), La Biolca, l'associazione Progetto Gaia, Aiab, i Gruppi di acquisto di Feltre e Sedico, l'associazione liberamente Valbelluna e il comitato Acqua Bene Comune.

A “chiamata a raccolto” non mancheranno poi i laboratori per bambini, promossi dall'associazione “dire fare fantasticare” e dalla scula staineriana di Feltre

Ci sarà poi l'opportunità di assaporare dei piatti tipici locali: Minestrone, orzotto, polenta e formaggio alla piastra. Menù curato e distribuito dalla Pro Loco di Sedico

I dibattiti, le proiezioni, premiazioni e altre iniziative ci saranno anche domenica e, dalle ore 11.. presso la sala convegni di Villa Patt si parlerà:

di OGM – TTIP
seguirà proiezione del film “the last farmer” (a cura dell'associazione samarcanda)
dalle 15 premiazione dei bambini della Scuola di Sedico per il progetto Orto scolastico
- convegno dedicato alla maiscoltura a cura del Crea
- convegno sulla selezione, conservazione, miglioramento delle sementi

Altra bella novità il Teatro Contadini e musica dal vivo per allietare la giornata

Un bel mix di entusiasmo e della energia vitale dei bambini e di passione, conoscenza ed esperienza di tanti gruppi e realtà di tante zone diverse. Ma soprattutto tanto amore per la Terra, per i semi..vitali e riproducibili, per il costruire assieme agli altri, per il condividere.

Come ogni anno in contemporanea a Chiamata a raccolto ci sarà, nel cortile adiacente la Villa, il mercato contadino delle produzioni sane, tipiche, genuine.
Molti i produttori biologici per lo più locali

Vi aspettiamo a SEDICO (BL) sabato 28 NOVEMBRE per un interessante convegno e domenica 29 NOVEMBRE per vedere, scambiare e ricevere semi sani, vivi e vitali!!!! 

 

mercoledì 4 novembre 2015

“Il Premio San Martino per la biodiversità 2015 è assegnato al Gruppo Coltivare condividendo”

Il Premio San Martino per la biodiversità 2015, promosso dalla provincia di Parma, è assegnato al Gruppo Coltivare condividendo”

 Una notizia che di primo acchito ci ha lasciato esterrefatti, quasi increduli. Ma che poi, soprattutto dopo aver letto le motivazioni del premio, ci ha riempito di gioie a ulteriore determinazione nel portare avanti i tanti progetti e iniziative legate alla biodiversità e al coltivare assieme


Il Premio San Martino è stato istituito nel 2008, è un riconoscimento che la Provincia di Parma assegna a figure di rilievo per l’impegno dedicato alla salvaguardia della biodiversità in agricoltura e alla sensibilizzazione in tale ambito. Tra i personaggi illustri a cui è stato assegnato il Premio ci sono Carlo Petrini, Vandana Shiva, Salvatore Ceccarelli.

Ci fa molto piacere leggere che nel 2015 è stato scelto il Gruppo Coltivare Condividendo perché si è tenuto conto della cooperazione tra gli agricoltori, della rete che si è creata, degli scambi e dei contributi che ogni uno ha portato per raggiungere l'obiettivo.. in una parola si premia la cosi detta “agricoltura relazionale”, il recuperare, il selezionare, il migliorare in modo partecipativo le sementi antiche e locali



Un premio che ovviamente non sentiamo solo nostro ma che va a riconoscere l'enorme lavoro svolto da tantissime realtà, gruppi, associazioni, coltivatori e custodi con cui collaboriamo e costruiamo progetti partecipati e condivisi. Un premio che è un riconoscimento all'enorme patrimonio di biodiversità di cui è ricco il bellunese e a tutti coloro che contribuiscono (spesso con tanta passione, amore e zero finanziamenti) a salvaguardarlo, farlo conoscere e migliorarlo.

Un premio che ci sentiamo di condividere con i tanti “custodi della biodiversità” che in provincia di Belluno e non si stanno prendendo cura delle sementi antiche che gli abbiamo affidato, con l' Associazione Dolomiti bio e tante aziende biologiche che stanno (con grandi sforzi e sacrifici) promuovendo progetti di miglioramenti delle varietà locali.

Senza dimenticare le tante realtà, gruppi, associazioni (da Arche Noah, a Civiltà Contadina, da A. Cantele a Diego Pizzolato, dalla Pimpinella a Rete Semi Rurali, dagli amici di TerraChiAma di Bassano ai bambini piirata, ad AdiPa..e tanti altri) che promuovono attività molto simili alle nostre e ogni anno costruiscono assieme a noi “chiamata a raccolto”, l'importante appuntamento dedicato alla biodiversità, alla mostra, allo scambio e alla donazione delle sementi antiche che si terrà a Sedico (presso Villa Patt) domenica 29 novembre. Non possiamo non citare i tanti tecnici ed esperti che in questi anni ci hanno e ci stanno aiutando, dandoci un valido supporto tecnico e scientifico, un grazie di cuore al Grande Salvatore Ceccarelli, ma anche ai vari Luca Conte, Mauro Flora etanti altri che ci donano sempre preziosi consigli



Il Premio San Martino verrà consegnato a Tiziano Fantinel (in rappresentanza del gruppo coltivare condividendo) sabato 14 novembre a Parma. In quell'occasione avremo modo di parlare dei vari progetti promossi dal gruppo riguardanti fagioli, mais, cereali e orticole.. sementi locali e riproducibili essenziali per un' agricoltura sana e sostenibile

Avremo anche modo di confrontarci con tanti studenti, giovani agricoltori e fare un dibattito con l'on Romanini della XIII commissione agricoltura.

Molti i temi che ci stanno a cuore e che sottolineeremo: dall'importante che sia finanziata la ricerca in campo fatta dagli agricoltori (che devono essere i veri protagonisti di ricerca e sperimentazione e non dei semplici fruitori finali), allo stop ai tanti limiti nell' utilizzo delle sementi riproducibili, locali, tipiche, soprattutto in biologico.



Ovviamente questo premio non ci fa dubitare che sono tanti i limiti e le lacune che abbiamo. Siamo consapevoli della nostra grande ignoranza..ma siamo altresì certi del nostro grande amore per questa Terra e per la sua biodiversità, del nostro grande desiderio di costruire assieme e costruire relazioni.

Vi aspettiamo a Villa Patt a Sedico, domenica 29 novembre per festeggiare assieme, ammirando, scambiando,  parlando di semi.. decidendo magari di diventare un importante "custode della biodiversità"